X-Men: Giorni di un Futuro Passato 3D: la recensione in anteprima di HDMagazine

Di

xmencopertina

La nuova pellicola firmata Marvel arriverà in tutti i cinema italiani a partire dal 22 maggio ma, quest’oggi, vi daremo la possibilità di sapere qualcosa in più sul nuovo titolo che tratterà di una delle saghe fumettistiche meglio riuscite della testata degli X-Men.

X-Men: Giorni di un Fururo Passato è ambientato in un futuro indefinito ma tutto ciò che serve ai mutanti non lo troveranno in quegli anni, bensì nel passato, più precisamente nel 1973. Una sorta di Ritorno al Futuro con protagonisti i supereroi mutanti che ormai tutti conoscono, e non solo per i fumetti. Questa pellicola infatti è l’ultima di molte che sono state prodotte dalla Marvel nel corso della storia cinematografica e, anche se sappiamo che ci sono pareri molto contrastanti da parte dei fan, noi abbiamo trovato questi film molto più coinvolgenti di molti altri titoli dello stesso marchio.

xmen

Ma torniamo alla pellicola in questione, X-Men: Giorni di un Futuro Passato ci si presenta con un ottima resa degli effetti speciali che sembrano essere quasi più fluidi e ben realizzati rispetto al normale. Vi ricordiamo che abbiamo avuto modo di vederlo in 3D e, ad essere onesti, ci aspettavamo di trovare qualche scena un po’ più dedicata alla tecnologia che tanti disprezzano. A tal proposito ci sentiamo in dovere di dire che, attualmente,z non è molto conveniente vedere un film del genere in 3D visto che questo sistema porta allo smorzamento innaturale dei colori presenti nelle scene e ad una percezione distorta del frame rate di alcune sessioni, specialmente quelle che usufruiscono delle tre dimensioni.

Fatta questa precisazione tecnica torniamo a parlare degli aspetti che secondo noi sono riusciti meglio. In primis, la trasposizione della trama osannata da tutti i lettori dei fumetti degli X-Men, una storia avvincente che ci fa esplorare il passato di alcuni dei protagonisti come Xavier o Magneto e di come sono entrati a contatto con i loro poteri quando erano giovani, per di più troveremo una serie infinita di riferimenti ai capitoli precedenti oppure ai film su Wolverine.

Rimanendo su questo personaggio avremmo giusto un paio di considerazioni da fare. La figura cinematografica di Wolverine è stata molto inflazionata viso che, ad interpretarlo, troviamo un attore molto conosciuto e amato come Hugh Jackman ma nelle cronache fumettistiche il supereroe con la tuta gialla e blu non è più famoso o bravo di altri suoi compagni. Perchè non abbiamo avuto ancora il modo di vedere un film incentrato sulle vicende di un X-Men quasi più importante come Ciclope, per esempio?

Come avrete capito il compito di riportare il mondo sulla retta via spetterà proprio a Wolverine che, grazie alle sue capacità, aiuterà i “giovani vecchietti” a salvare la situazione.

xmen2

Nel complesso crediamo che la saga degli X-Men sia sempre un appuntamento da non perdere per nessun motivo, soprattutto quando si parla di questa pellicola, un trama degna di nota che coinvolgerà sia gli appassionati di albi a fumetti che quelli dei film Marvel.

Purtroppo non possiamo analizzare appieno la recitazione degli attori per due principali motivi, primo perchè  essendo un film Marvel non ci aspettiamo sicuramente di mettere al primo posto un punto di questo tipo, preferiamo rimanere sulla spettacolarità delle scene e soprattutto degli effetti speciali dei combattimenti o delle varie scene action, il secondo motivo invece è legato alla lingua di proiezione, infatti, abbiamo avuto la possibilità di vedere la pellicola soltanto in italiano.

Volevamo concludere questa recensione con un’apparizione che ci ha fatto morire dalle risate, ovvero, quella di Anna Paquin che si vede di schiena per nemmeno due secondi ma è stata comunque messa nei titoli di coda a schermo intero, non ci sono parole.

Voto HDMagazine: 8.5

xmen3

  • Luca

    Un unico appunto dove indicate che “..nelle cronache fumettistiche il supereroe con la tuta gialla e blu non è più famoso o bravo di altri suoi compagni”.
    Sul più bravo si può discutere (anche se…) ma sul famoso niente da dire. E’ il mutante più conosciuto e amato fra tutti. Fra le altre cose ha una testata regolare tutta sua, è il personaggio più utilizzato dalla Marvel :)