I Vendicatori 2: Kevin Feige ce ne parla ancora

Di

i vendicatori 2 kevin feige

Con l’uscita di “Iron Man 3″ (leggi le nostre notizie a riguardo) in America, aspettiamoci qualche notizia in più sui prossimi appuntamenti della Marvel, come “I Vendicatori 2″. Se da un lato abbiamo ancora molti film da vedere prima di uno dei sequel più attesi degli ultimi anni, le voci sul prossimo appuntamento di Joss Whedon alla regia iniziano già a farsi insistenti e, più nel dettaglio, quelle relative a come si legheranno al film di Tony Stark.

Cosa ci aspettiamo quindi da “I Vendicatori 2″ dopo aver visto il terzo capitolo di Iron Man, è una domanda che ci siamo fatti quando siamo andati a vederlo al cinema ma la risposta ci arriva solo oggi dalla bocca del CEO dei Marvel Studios, Kevin Feige.

“Bene, come ha detto Joss precedentemente, non sarà sul fatto di andare ‘sul più grande”. Non si tratta di: ‘vedrete cinque esplosioni in più in questo nuovo capitolo’. Voglio dire che sicuramente dovremo aumentare la posta in gioco, superando le aspettative delle persone, ma penso che ci siano varie vie per farlo e Iron Man 3 è un buon test per noi per vedere esattamente questo. Nel primo film che facciamo dopo I Vendicatori, vediamo il nostro eroe che passa più tempo al di fuori della sua armatura più che in ogni altro precedente episodio; poteva sembrare controintuitivo per alcune persone, ma era quello che volevamo. Non volevamo trasmettere l’idea di: ‘Oh, ora sarà più grande e combatterà 100 persone con la sua armatura’. Sì, le scene d’azione sono grandiose, ci sono alcune scene d’azione in più in Iron Man 3 rispetto i due precedenti film, ma al tempo stesso è più profondo e più esplorativo del carattere del personaggio rispetto I Vendicatori.”

Per poi continuare:

“Siamo stati constantemente in contatto con Joss per capire in che modo allacciarlo a I Vendicatori 2: quello che è più importante per noi, e il motivo per cui abbiamo assunto Whedon all’inizio, è per l’interazione tra i personaggi. Questa è la chiave più importante per noi piuttosto che le scene d’azione che dovremo mettere e dovremo ancora scegliere ma le scene già immaginate da Joss con i personaggi seduti intorno a un tavolo che interagiscono tra di loro sono molto divertenti, toccanti e ce ne saranno alcune in più rispetto al primo film…Qui è dove vorremo raggiungere ancora il massimo.”

Che non sia un lavoro “grato” quello di preparare un sequel per I Vendicatori, è indubbiamente una cosa scontata. Ma se c’è una persona che può essere in grado di stupirci nuovamente…Quella è sicuramente il padre di “Buffy” e “Firefly”!

Concludendo l’intervista ha anche aggiunto qualcosa inerente il sottotitolo del prossimo film:

“Voglio dire che se guardate i titoli dei prossimi film, Iron Man 3 è l’unico ad avere un numero presente. A me piace “Star Wars: Il Ritorno dello Jedi”, “Star Wars: L’Impero Colpisce Ancora” piuttosto che Star Wars 3 e Star War 2.”

Di tutta l’intervista vogliamo sottolineare questo…

“le scene già immaginate da Joss con i personaggi seduti intorno a un tavolo che interagiscono tra di loro sono molto divertenti, toccanti e ce ne saranno alcune in più rispetto al primo film…”

Non vorremmo essere allarmisti, però non possiamo che citare Leo Ortolani nella sua recensione di Iron Man 3 dopo che abbiamo visto insieme il film

I vendicatori 2 come iron man 3 leo ortolani

Speriamo siano solo inutili allarmismi per la troppa comicità presente!

  • MrSnurbs

    La comicità va benissimo anche perché è ben bilanciata dalla drammaticità, non si può avere un film solo drammatico, non è Batman per capirsi, dove tutto è oscuro e tenebroso.

    Il primo Avengers era ben bilanciato il tutto, la battaglia a New York ha saputo essere sia epica e drammatica che comica, ma solo il giusto, non ci si può aspettare di avere Tony Stark in mezzo alle botte senza alcuna battuta.