Colin Farrell

Di

Colin James Farrell è nato il 31 maggio 1976 a Castleknock, un quartiere alla periferia di Dublino. E’ il più giovane di quattro figli.

Il padre è un ex calciatore e la madre,  nell’intento di dare un’educazione artistica al figlio lo iscrive ad un corso di danza; nel frattempo il giovane insegue il sogno di diventare calciatore come il padre. A 17 anni decide di partecipare ad un provino per entrare a far parte della boyband Boyzone, con la canzone Careless Whisper di George Michael, ma viene scartato.

Lasciata la scuola, Colin decide di trascorrere un anno in Australia a lavorare come cameriere; durante il suo soggiorno viene perfino arrestato per sospetto omicidio. Le autorità confermano tuttavia lo scambio di persona e dopo poche ore lo rilasciano.

Torna quindi in Irlanda, dove la passione per la recitazione prende il sopravvento; si iscrive infatti alla Gaiety School of Acting di Dublino. Viene poi notato da Tim Roth, che lo vuole per il suo debutto alla regia in “Zona di Guerra”. A seguito di alcune rappresentazioni teatrali di Londra Kevin Spacey lo vuole al suo fianco nel film “Un perfetto criminale”, ma è grazie al ruolo di Roland Bozz in “Tigerland” di Joel Schumacher che Colin entra nel mondo di Hollywood.

Schumacher lo rivuole poi come protagonista assoluto del film “In linea con l’assassino”, dove a soli 25 anni diventa uno degli attori più ricercati di Hollywood. Lavora con Bruce Willis in “Sotto corte marziale”, con Tom Cruise in “Minority Report”, con Ben Affleck in “Daredevil” (dove interpreta il suo primo ruolo da “cattivo”, quello dell’assassino Bullseye) e con Al Pacino in “La regola del sospetto”.

Nel 2004 viene nominato ai Razzie Awards nella categoria peggior attore dell’anno per il film “Alexander”.

Nel 2005 ha lavorato con Michael Mann nella versione cinematografica della serie televisiva “Miami Vice”, interpretando il ruolo di Sonny Crockett.

Nel 2006 è protagonista insieme a Salma Hayek del film “Chiedi alla polvere”, storia d’amore tratta dall’omonimo romanzo di John Fante.

Nel 2007 recita al fianco di Ewan McGregor nel film di Woody Allen “Sogni e delitti”.
Nel 2008 esce nelle sale “Pride and Glory – Il prezzo dell’onore”, nel quale recita al fianco di Edward Norton nelle vesti di un poliziotto corrotto.

Dopo la prematura morte di Heath Ledger, Colin Farrell è stato uno dei tre attori, insieme a Johnny Depp e a Jude Law, ad essere stati ingaggiati per portare a termine il film “Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo”. Al termine delle riprese i tre attori hanno deciso di donare il proprio cachet per il film alla figlia di Heath Ledger, Matilda.
Nello stesso anno, dopo aver lavorato in “Triage”, insieme a Paz Vega, Colin ha partecipato alle riprese di “Crazy Heart”, accanto al protagonista Jeff Bridges, in cui Colin esibisce le sue doti canore cantando tre delle sedici canzoni che compongono la colonna sonora del film.

Durante il 2009 e il 2010 ha lavorato in due film: “The way back” di Peter Weir e “London Boulevard” di William Monahan, accanto a Keira Knightley.
Nel 2011 l’attore recita nella commedia del regista Seth Gordon “Come ammazzare il capo..e vivere felici”, accanto a Jennifer Aniston, Kevin Spacey e Jason Bateman, dove interpreta uno dei tre tirannici datori di lavoro che rendono impossibile la vita dei loro impiegati.
Nello stesso anno è protagonista di “Fright Night – Il vampiro della porta accanto”. Nel 2011 prende parte al remake del film “Atto di forza”, diretto da Len Wiseman con il titolo “Total Recall – Atto di forza”. Nella pellicola Colin interpreta il ruolo che fu di Arnold Schwarzenegger, e recita insieme a Jessica Biel e Kate Beckinsale.

Nel 2012 partecipa a due progetti: “Seven Psycopaths”, insieme a Michey Rourke e Christopher Walken, e il film “Dead Man Down”, insieme a Noomi Rapace.

L’attore ha confessato, durante una puntata del “Late Show” di David Letterman, che suo figlio James, 8 anni, nato dalla relazione con l’ex compagna Kim Bordenave, soffre di una rara malformazione genetica, chiamata Sindrome di Angelman, dal nome del pediatra che l’ha scoperta nel 1965.

“Non c’è molta ricerca su questa malattia perchè non interessa le case farmaceutiche”, ha dichiarato Farrel, parlando della rarità della condizione di suo figlio, che colpisce un bambino su 30mila.

Il suo impegno sociale è tale che nel 2011 riceve un premio durante gli American Giving Awards per il suo supporto alle varie associazioni umanitarie.

Storie: