Ancora problemi per The Lone Ranger

Di

The lone ranger

L’estate scorsa la Disney aveva fermato le riprese del film western “The Lone Ranger” a causa del budget troppo alto. Solo una volta che il regista Gore Verbinski( che per la Disney ha già diretto il primo film dei pirati dei caraibi) ha acconsentito a tagliare alcune scene ed a ridurre i compensi degli attori così passando da 250 milioni di dollari a 215, la casa di produzione ha di nuovo dato il via ai lavori.

Tuttavia oggi è arrivata una notizia preoccupante dal set: secondo l’ Hollywood reporter infatti il budget sta lievitando di nuovo fino a quasi superare la cifra di 250 milioni di dollari e, come se non bastasse, la produzione sta per sforare i giorni di riprese previste che erano stati prefissati a 120.

Secondo il sito la colpa del ritardo è dovuta a problemi metereologici: tempeste di vento e di sabbia hanno danneggiato il set e l’aumento del budget è dovuto anche ai costi per il suo riallestimento, sembra inoltre che siano in corso riadattamenti della sceneggiatura per evitare che i costi aumentino ulteriormente avendo la Disney ancora ben chiaro in mente il ricordo fallimentare del film John Carter.

Cè chi assicura, comunque, che Verbinski ha il potenziale di rendere popolare di nuovo il genere Western come già fatto con quello piratesco nei Pirati dei Caraibi.

Il film è tratto da una celebre serie serie televisiva  degli anni ’50.  Protagonista  è un misterioso cowboy mascherato che combatte le ingiustizie nel vecchio West in compagnia della suo compagno Tonto, un indiano che sarà interpretato da Johnny Depp.

Storie: